Ugento

Camusso,no a stop opere per sviluppo Sud

Anche nell'atteggiamento del governo verso il Sud "credo non ci sia una scelta decisa nel ridurre la diseguaglianza anche a partire dal fatto che c'è molto tentennamento su cantieri e progetti già programmati e non c'è un'idea di nuovi investimenti". Lo ha detto la leader della Cgil, Susanna Camusso, oggi a Lecce. Rispondendo anche a domande sul futuro di infrastrutture come il Tap, la sindacalista sottolinea di vedere "una incertezza sugli investimenti che preoccupa soprattutto perché non dà il segno di cogliere il fatto che investimenti pubblici e infrastruttura sociale sono condizioni per ridurre il gap tra nord e sud e per creare lavoro". L'opposizione che arriva soprattutto dalle comunità locali, come sta accadendo per il gasdotto in Puglia, dipende dal fatto che "su molte delle vicende delle grandi opere nel Paese si sono trascurati i rapporti ed un percorso democratico con la cittadinanza ma non bisogna neanche cadere in questa idea che non si può mai fare nessuna opera da nessuna parte".

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie